Amministrazione e Fondazione, fine dei favoritismi. Trasparenza e apertura sulla promozione turistica, replica delle opposizioni

L’Amministrazione Comunale e la Fondazione Alghero non sponsorizzano alcun privato né tanto meno sono portatori di interessi particolari. Si rispediscono al mittente le accuse e si precisa che la Fondazione ha messo da parte la vecchia pratica dei favoritismi. Le strutture che hanno aderito con le proprie offerte sono tutte facenti parte dell’Associazione Domos, che insieme al Consorzio turistico Riviera del Corallo  rappresentano la stragrande maggioranza delle imprese della ricettività algherese. In merito alle procedure di scelta e selezione, si precisa che sia l’associazione Domos che il Consorzio turistico Riviera del Corallo, avendo partecipato come partner della Fondazione Alghero al bando “Salude e trigu” della Camera di Commercio per gli eventi del “ Cap d’Any”, si erano impegnati  a creare e divulgare tramite quest’ultima i loro pacchetti promozionali legati al programma delle festività. Per contro la Fondazione Alghero si è limitata a inserire nel sito istituzionale tutte le strutture che hanno inviato le offerte collegate a tale iniziativa.

In ogni caso, in diverse nostre comunicazioni e con particolare sottolineatura nella conferenza stampa di presentazione degli eventi, è stata ricordata l’opportunità della presenza sul sito. La pagina è aperta, si ribadisce l’invito ad aderire e dunque essere inseriti nel portale: occorreva, e occorre, inviare le proprie proposte di partecipazione.

Stiano sereni i consiglieri di opposizione che non c’è da “assumersi nessuna responsabilità” visto che tale iter è quello previsto dal bando sopra citato, trasparente e aperto.

Per questo, e in conclusione, accogliamo sempre con piacere consigli e suggerimenti. Ma su proposte concrete e costruttive, con contributi seri e magari con qualche esempio esplicativo di trasparenza. Si lascia all’opposizione il ruolo che già svolgeva mentre diceva di amministrare la città, cioè quello di mortificare e trascurare le nostre imprese senza ritenerle meritevoli di essere presenti nel sito istituzionale della Fondazione per promuovere le loro offerte.

Cogliamo l’occasione, infine, per ricordare alle strutture che avessero interesse ad essere inserite nella specifica sezione del sito con la propria proposta commerciale ad inviare il l’offerta tramite mail a: [email protected]

DI SEGUITO LA REPLICA DEL GRUPPO UNICO DELL’OPPOSIZIONE IN CONSIGLIO COMUNALE.

“Dopo aver letto con attenzione la replica dell’amministrazione, non possiamo che ringraziare per la celerità della risposta, ma soprattutto per aver chiarito che Comune e Fondazione hanno un canale di comunicazione privilegiato con le strutture ricettive alberghiere ed extralberghiere che fanno parte del Consorzio Riviera del Corallo e di Domos.

“Domos” che non è la casa di tutti, ma una associazione privata sconosciuta ai più e certamente a qualsiasi ente pubblico che si occupi di turismo.

Detto questo, e per onor del vero, non possiamo fingere di non sapere che un certo “Marco Di Gangi”, durante la scorsa campagna elettorale, abbia inviato una mail anche ai non iscritti alla stessa associazione, usando “gentile collega” come incipit e presentandosi come “fondatore e presidente di Domos” e (cosa questa che merita più di una riflessione), attraverso la stessa chiedendo il voto.

Lecito dunque che il fondatore dell’associazione Domos, attraverso la sua creazione chiedesse il voto, un po’ meno lecito invece è lo scoprire che oggi (prima che la nostra segnalazione consigliasse all’Amministrazione di invitare tutti gli operatori interessati a farne richiesta…) solo gli aderenti a questa Associazione abbiano diritto a comparire in un sito pubblico gestito dal comune di Alghero.

Vorremmo dunque capire meglio quale sia oggi il ruolo dell’assessore al turismo Marco di Gangi.
Il fondatore di Domos Marco Di Gangi e il nostro assessore sono la stessa persona o siamo davanti a un caso di omonimia?
E, se di omonimia non si tratta, vorremmo sapere se il nostro assessore faccia ancora adesso parte del consiglio direttivo di Domos. Sappiamo, invece, per certo che l’assessore si è dimesso dalla presidenza del Consorzio Riviera del Corallo, ma vorremmo capire se per caso egli faccia ancora parte del consiglio direttivo del Consorzio.
In ultimo vorremmo chiedere al Sindaco, se lui trovi normale il permanere del suo assessore al turismo nei direttivi di associazioni che con lo stesso assessorato interagiscono o se forse non sarebbe meglio che lui gli “suggerisse” di presentare le dimissioni da assessore.

Perchè, non crediamo vi sia bisogno di specificarlo, ma è evidente che noi sappiamo bene che Domos e Consorzio sono formati da imprese valide e serie che operano nel settore del turismo, ma l’assessore al turismo non può ignorare il fatto che nel nostro territorio vi sono altrettante imprese valide e serie che non risultano consorziate in nessuna associazione di cui lui sia (o sia stato) presidente e che è compito di Comune e Fondazione cercare di favorire tutte le imprese del settore e non solo alcune.”

I Consiglieri Comunali:
Graziano Porcu
Roberto Ferrara
Valdo Di Nolfo
Gabriella Esposito
Mario Bruno
Pietro Sartore
Mimmo Pirisi
Raimondo Cacciotto
Ornella Piras

Commenti
Pubblicità