OPERAZIONE DEI CARABINIERI 21 INDAGATI TRA CUI 7 ARRESTI PER SPACCIO DI SOSTANZE STUPEFACENTI

All’Alba di questa mattina, i Carabinieri della Compagnia di Bonorva con il supporto di militari del Comando Provinciale di Sassari, Lo Squadrone Eliportato Cacciatori di Sardegna ed il Nucleo Cinofili, hanno dato esecuzione ad una ordinanza di custodia cautelare, emessa dal G.I.P del Tribunale di Sassari nei confronti di 7 indagati e notificato l’informazione di garanzia ad altri 10 indagati per il reato di spaccio di sostanze stupefacenti in concorso. Nello specifico, si è provveduto a sottoporre alla misura degli arresti domiciliari 5 indagati (S.G cl. 87 di Bono, T.A cl. 78 di Bonorva, S.G cl. 91 di Bonorva, M.G cl. 82 di Bonorva, F.G cl. 93 di Bonorva) nonché all’obbligo di dimora altri 2 (D.M cl. 93 di Giave, S.S cl. 93 di Bonorva)

L’operazione di Polizia convenzionalmente denominata “KM 170” è il risultato di un’approfondita attività d’indagine anti-droga condotta dal Nucleo Operativo della Compagnia Carabinieri di Bonorva sotto la direzione diretta del Sostituto Procuratore della Repubblica di Sassari, Dott. Giovanni Porcheddu, durata circa un anno ed avviata a seguito del rinvenimento di circa 400 gr di marijuana in una casa cantoniera del Comune di Giave. I militari utilizzando le tradizionali tecniche d’indagine quali pedinamenti ed osservazioni nonché quelle di tipo tecnico hanno potuto accertare e ricostruire una rete di soggetti dediti all’attività di spaccio operante sul territorio di Bonorva e non solo. Gli stessi, infatti, dopo aver creato saldi legami con altri correi dimoranti nel Comune di Bono e Alghero acquistavano lo stupefacente sia del tipo marijuana che cocaina per immetterlo principalmente nel mercato Bonorvese, specializzandosi sempre più nel garantire un prodotto di qualità e nel fidelizzare con gli assuntori dai quali la domanda diveniva sempre più incessante.

 Gli stratagemmi adottati dai malviventi gli hanno consentito di non fermarsi neanche durante il periodo pandemico: parole criptiche, incontri di persona e pagamenti dissociati dalla cessione erano alla base del loro modus operandi, con il quale erano riusciti a centralizzare sul territorio di Bonorva il mercato illegale degli stupefacenti fino ad allora poco esplorato e ramificato.

Inoltre, nel corso delle indagini si è avuto modo di appurare che alcuni consumatori e rivenditori al dettaglio riuscivano a pagare le forniture di stupefacente anche grazie ai fondi percepiti dallo Stato tramite il c.d. Reddito di cittadinanza. La droga recuperata nel corso delle indagini e quella sequestrata durante le perquisizioni effettuate nella mattinata odierna, ammonta complessivamente a: 45,5 kg di marijuana, 600 gr. di hashish, 70 gr. di cocaina. Inoltre si è proceduto a deferire in stato di libertà due soggetti di Bonorva per detenzione abusiva di un fucile tipo doppietta cal. 12 che non era stato regolarmente denunciato alle autorità competenti.

Parte dell’operazione è stata svolta anche nel Comune di Bitti dove si è proceduto a denunciare in stato di libertà altri tre soggetti che detenevano 350 kg circa di marijuana sativa impacchettata e pronta alla vendita in violazione della normativa relativa alle modalità di trattamento e stoccaggio della cosiddetta canapa light.

L’intervento di oggi rappresenta un’azione decisa delle Istituzioni volta a stroncare nettamente l’attività di spaccio di sostanze stupefacenti nel territorio che, nel caso di specie, aveva assunto dimensioni preoccupanti soprattutto in quanto estremamente pervasiva del tessuto sociale, in particolare nel piccolo paese di Bonorva

Commenti
Pubblicità