Diritto allo studio. L’amministrazione comunale mette a disposizione le sim card per garantire a tutti la didattica a distanza.

21 novembre 2020 – Per garantire il diritto allo studio anche in questa situazione emergenziale, l’amministrazione comunale ha deciso di destinare 15.000 euro di fondi dedicati a progetti educativi, per l’acquisto di 341 SIM card, in modo da migliorare la connettività degli studenti delle scuole secondarie di secondo grado che stanno svolgendo la didattica a distanza. Le risorse sono state suddivise equamente tra tutti gli istituti della città di Olbia. Uno dei criteri preferenziali per aggiudicarsi la SIM è l’Isee attualizzato, relativo cioè al reddito attuale e non quello dello scorso anno, visto che sono molte le famiglie che stanno attraversando difficoltà dalla primavera passata. Per richiedere il beneficio, occorre rivolgersi alla scuola di appartenenza.

«La didattica a distanza, purtroppo, allontana i ragazzi dalla scuola, soprattutto quando emergono difficoltà di collegamento alla rete. – afferma l’assessore alla pubblica istruzione Sabrina Serra – Questa iniziativa si aggiunge alle altre portate avanti dalla nostra amministrazione a favore dei ragazzi durante questo momento difficile. Vogliamo che nessuno rimanga indietro e il diritto allo studio venga garantito a tutti. Ringraziamo i dirigenti scolastici e gli insegnanti per la dedizione e il lavoro quotidiano svolto in questa direzione.”

 

 

Commenti
READ  Arrivati in Italia i 20 rifugiati vincitori di borse di studio dei corridoi universitari, 3 all'Università di Sassari