PITTALIS, CONTINUITA’ TERRITORIALE INTERROGAZIONE

Interrogazione al ministro dei Trasporti del deputato Pietro Pittalis, Fi. Tariffe ancora troppo alte e continuità territoriale solo un miraggio

 

Nuova interrogazione a risposta dell’onorevole Pietro Pittalis, questa volta in commissione sulla continuità territoriale.

Il deputato di Forza Italia ha scritto Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti, al Ministro dello sviluppo economico – per sapere – premesso la legge di bilancio per l’anno 2020 con i commi 866 e successivi dell’articolo 1 ha previsto disposizioni volte a dare attuazione dell’Accordo sottoscritto il 7 novembre 2019tra lo Stato e la Regione Sardegna, a chiusura della vertenza entrate.

In questo accordo il punto 10 prevede l’individuazione di strumenti idonei a garantire la continuità territoriale, marittima e aerea in favore della Regione Sardegna a cagione della sua condizione di insularità; il comma 867 prevede la successiva definizione dei costi relativi all’insularità nell’ambito di apposito tavolo. Ebbene l’articolo 53 dello statuto speciale sardo che stabilisce: «la Regione è rappresentata nella elaborazione delle tariffe ferroviarie e della regolamentazione dei servizi nazionali di comunicazione e trasporti terrestri marittimi e aerei che possano direttamente interessarla».

Fatte queste doverose premesse per Pittalis “la crisi prodotta dall’epidemia da Covid-19, prima con l’imposizione di rigide misure di lockdown e successivamente con le misure di distanziamento sociale, ha reso particolarmente difficoltoso garantire la continuità aerea e marina tra la Sardegna e il resto dell’Italia. In particolare per quanto riguarda il settore aereo si è registrata una considerevole riduzione dei voli garantiti da Alitalia nelle tratte per Milano e Roma, e su questa situazione si è innestata la crisi che riguarda la compagnia Air Italy con circa 1400 lavoratori che rischiano il posto di lavoro”. Contraccolpi anche per quanto riguarda la continuità territoriale marina, “seppure la relativa convenzione è stata rinnovata fino al 31 luglio 2021 dall’articolo 205 del Dl 34/2020, i viaggiatori sono costretti a sostenere tariffe eccessivamente elevate”.

READ  Rete Metropolitana del Nord Sardegna, al via il progetto di sviluppo territoriale

Il deputato chiede dunque al ministro quali iniziative intenda assumere il governo al fine di garantire pienamente il diritto alla mobilità dei cittadini sardi, alla luce delle criticità riportate in premessa e se nell’ambito del salvataggio di Alitalia, per cui nel decreto legge 34/2020 sono stati stanziati 3 miliardi di euro, verrà ricompreso anche la compagnia Air Italy, attualmente in liquidazione, ed in particolare il suo personale.

Commenti