COMUNICATO STAMPA // I 60 della compagnia Elliot cantano la cover di “Domani”: “un nuovo inno di forza e speranza contro il Covid”

I 60 della compagnia Elliot cantano la cover di “Domani”: “un nuovo inno di forza e speranza contro il Covid”. 
 Le note di “Domani” tornano nella speciale cover dei 60 attori, cantanti e ballerini della compagnia teatrale Elliot, ripensata per questi giorni di lontananza e volontà di ricominciare: e ancora una volta, “non siamo così soli”.
Dalle case di 60 ragazzi del cagliaritano, attori, cantanti e ballerini della campagnia teatrale Elliot, nasce una speciale cover di “Domani”, celebre pezzo con cui Jovanotti, Sangiorgi e Pagani riunirono amici e colleghi del panorama canoro nazionale dopo il terremoto abruzzese. Simbolo di rinascita dopo gli eventi del 2009, il celebre pezzo diventa un nuovo inno al coraggio e alla speranza nella cover corale della compagnia teatrale cagliaritana Elliot.
Quel “non siamo così soli”, intonato dal dream team di Artisti Uniti per l’Abruzzo ora più che mai ha un significato importante per milioni di italiani di ogni angolo dello Stivale.
La Elliot ne canta una versione riadattata nel testo e ripensata per la situazione attuale dalla penna di una delle cantanti della compagnia, Roberta Ibba – con tanto di “lo sai che salvi una vita restando sul divano, diventi un supereroe senza andare lontano” – riunendo i 60 componenti della Elliot, ognuno dalle proprie case:
“La musica – conferma Alessia Melis, cantante e membro del direttivo Elliot – è l’assembramento di emozioni che non può essere fermato da nessun decreto, il ponte immaginario che unisce balcone per balcone, regione per regione, nazione per nazione, continente per continente. Un abbraccio possibile anche ad un metro e mezzo di distanza, l’unica cosa che in questo periodo ci può contagiare senza farci del male”.
https://www.youtube.com/watch?time_continue=4&v=85SvCHRRVXw&feature=emb_logo
15-04-2020
La Redazione
Commenti
READ  Le donazioni vanno avanti, nonostante il Coronavirus: tre organi prelevati al Policlinico Casula Sorrentino: «Una giornata di speranza in un periodo difficile per tutti».