75 – Cus Sassari – Report festa di fine stagione e premiazione dei grandi protagonisti de mondo Cus Sassari

APPUNTAMENTI DI FINE STAGIONE: 

A SAN GIOVANNI È FESTA CUS SASSARI

Il Centro Sportivo Universitario sassarese celebra un’annata positiva 

Premi per i vincitori della Coppa Uniss di calcio, i medagliati ai recenti CNU di L’Aquila 2019 e premio speciale a Pierfranco Marchisio

Una stagione ricca di successi quella del Cus Sassari, stagione da ricordare sul fronte delle attività nazionali e locali, e celebrata con tutti gli onori del caso sul campo centrale dell’impianto tennistico di San Giovanni, base sportiva degli universitari sassaresi che ha ospitato per l’occasione una platea allegra e appassionata comprendente tutti i protagonisti della stagione.

Ma per rendere ancora più speciale la giornata evento, lo staff Cus Sassari ha deciso di far coincidere – o meglio precedere – la festa/evento dalle finali della Coppa Uniss (primo/secondo posto e terzo/quarto posto) che hanno favorito un ancora più ottimo afflusso di pubblico. Alle 20,30, con ancora sullo sfondo i bagliori del consueto spettacolare tramonto che incornicia gli Impianti di San Giovanni, è cominciato l’evento.

Saluti e ringraziamenti sono d’obbligo. In primis grazie all’Università di Sassari e alle numerose autorità accademiche presenti, in particolare al pro-rettore vicario Luca Deidda. Grazie a tutta la dirigenza del Cus Sassari. Grazie a tutti gli studenti e studentesse che hanno partecipato alle attività proposte e a quelli presenti in tribuna. Grazie a tutti i dipendenti del Centro Sportivo Universitario sassarese, che hanno contribuito a rendere possibile l’evento e contribuiscono a rendere fruibile l’attività quotidiana degli impianti. E infine grazie al L’Aquila, al Cus L’Aquila nello specifico e al CUSI, solerti e meticolosi organizzatori dell’edizione CNU 2019  decennale del terremoto del 2009, occasione di mostrare a tutti una città ancora ferita in maniera profonda che sta però provando con grande forza a rialzarsi e che, animata dalla settimana dei campionati, ha fato vedere ad atleti e accompagnatori che non ci si deve mai arrendere alle difficoltà.

 

Il presidente del Cus Sassari Nicola GiordanelliÈ appena trascorso un altro anno di sport vissuto insieme da Università e studenti. Sport, inteso come momento di aggregazione, di rispetto dei valori, momento vero di inclusione e di conoscenza. Ringraziamo l’Università di Sassari che, nonostante le difficoltà degli ultimi anni legate al reperimento du contributi, ha sempre mostrato grande sensibilità per le attività studentesche. Grazie ancora all’Ersu e al Ministero che con legge 394 ha reso i Centri Universitari Sportivi, di fatto, una sorta di Dipartimento dello sport universitario. Grazie ai volontari che animati da grande passione contribuiscono, con la propria disponibilità, a far si che gli eventi possano svolgersi e ripetersi negli anni vedi Coppa Uniss, Torneo di Volley misto, VIII edizione Olimpiase. Senza dimenticare le due giornate Erasmus in collaborazione con l’Associazione Erasmus Student Network, e le Giornate Eramus. Una menzione meritano il percorso a livello nazionale del Rugby a 7 e il calcio, mentre un orgoglioso plauso va alla rappresentativa Cus Sassari per il record di medaglie conquistate ai CNU – afferma Giordanelli, che passa poi a illustrare Progetto Spin, Orienta con lo Sport e il nuovissimo Siamo Sport, iniziative portate avanti con le scuole primarie e le federazioni –. Importantissimo per noi, per chi fa sport in generale e per l’Ateneo intero, anche il raggiungimento di un traguardo storico per chi fa sport e per l’Università di Sassari: la nascita del Corso di laurea in Scienze Motorie e Benessere dell’Uomo voluto fortemente dall’Ateneo sassarese, dal Dipartimento di Scienze Biomediche, dal Cus Sassari e dal territorio per dare qualità e professionalità alle figure che opereranno su un bacino di utenza con sempre più  bisogno di riferimenti qualificati”.

READ  Alessandro Vagge e la sua Brescia in tempi di Covid -19

Parola al professor Luca Deidda, pro rettore dell’Università di Sassari in rappresentanza del magnifico rettore Massimo Carpinelli – del quale porta i il saluto alla platea – è già presente sugli spalti di San Giovanni per la finale di Coppa Uniss. il pro rettore ha assistito al grande spettacolo dello sport in campo “spettacolo offerto dai nostri studenti, dai nostri ragazzi con cui non posso che complimentarmi. Complimenti che vanno certamente estesi poi al Cus Sassari, che prosegue lungo un percorso di crescita costante al fianco dell’Università. Elemento focale di questa crescita è senza dubbio la progettualità, una continua sfida al miglioramento per continuare insieme a lavorare sul processo di ricerca di nuove risorse ed opportunità. Una sfida che non potrà che essere accolta ed accettata con entusiasmo dal Cus Sassari, e che porterà a un coinvolgimento sempre maggiore della popolazione studentesca”. Anche il pro rettore fa un passaggio su Scienze Motorie, non escludendo che gli impianti universitari possano rappresentare ed essere il polo di studio e attività per i futuri studenti del dipartimento.

Parole di stimolo e supporto. Parole che fanno bene e incitano, come detto, al costante miglioramento, al fissare degli obiettivi ed a raggiungerli. Come nel caso dei nostri atleti impegnati ai CNU 2019 de L’Aquila. Tante ottime prestazioni e ben 11 medaglie. A loro il plauso e il doveroso premio del Cus Sassari: per l’atletica leggera premiate Nadia Neri della Facoltà di Medicina e Chirurgia, medaglia di bronzo nei 100 mt e medaglia di  bronzo nei 200 mt; Elisa Pintus del Dipartimento di  di Chimica e Farmacia, medaglia di bronzo nel lancio del disco e medaglia di bronzo nel lancio del peso; Angelo Marvulli (studente di Odontoiatria), medaglia d’oro nel salto in lungo. Premiato anche il tiro a segnogriffato Cus Sassari: Valentina Acciaro  (Dipartimento di Chimica e Farmacia), Elena Marogna (Dipartimento di Scienze Biomediche) , Martina Mercurio (Dipartimento di Agraria), medaglia di argento a squadre carabina 10 mt; medaglia d’argento per rappresentanza a Luca Marogna della Facoltà di Giurisprudenza. Meritato premio per Antonio Fadda del Dipartimento di Scienze Bio Mediche, bronzo a l’Aquila nel combattimento karate, così come per Diego Cantatore (studente di Economia) e Cristopher Dickey (Accademia di Belle Arti “Sironi”) vincitori rispettivamente della medaglia d’oro categoria Medal Lordo e della medaglia d’oro categoria Stablefor Lordo. Grandi tutti, bravi tutti: nessuno escluso.

READ  Conferenza Stampa Gian Vittorio Campus

Il premio speciale “Una vita per il Cus” – è stato consegnato fra gli applausi a Pierfranco Marchisio. Classe 1943, ha partecipato ai CNU vincendo in più di una occasione medaglie nell’atletica leggera. È tra i soci fondatori del Cus Sassari nel suo intervento fa un parallelismo tra i CNU di quest’anno a L’Aquila post terremoto e la sua partecipazione ai CNU del ’67 a Firenze all’indomani della terribile alluvione  sottolineando la grande accoglienza e il grande spirito di rinascita portato dagli universitari. Il prof Marchisio, una vita trascorsa fra l’insegnamento dell’educazione fisica e e le attività di coordinatore dei prof di educazione fisica, sottolinea che “per me e per la mia generazione i Campionati Nazionali Universitari erano non solo confronto sportivo ma anche confronto con le altre realtà sociali italiane in un periodo dove l’isolamento della Sardegna era decisamente più marcato di ora, tutto questo favorito dal carattere ludico-gaudente che ancora caratterizza la manifestazione”. A premiarlo è Gianni Ippolito Vice Presidente Nazionale CUSI.

Premiazione d’obbligo anche per i team partecipanti all’Olimpiase: il primo posto è dell’Ase (Associazione studenti di Economia), il secondo posto è dell’Asp (Associazione studenti di Scienze Politiche) e il terzo posto è del Sism (Facoltà di Medicina).

Riflettori puntati poi sul torneo Universitario di volley misto. Prima edizione, sicuramente da migliorare ma certamente anche da ripetere. Grande entusiasmo da parte di tutti i partecipanti che hanno animato la manifestazione. Ringraziamento particolare per  la realizzazione e promozione del Torneo, a Claudio Sanna e Mariano Sannia rappresentanti degli studenti nel Comitato dello Sport. Primi classificati Queen e qualche altro, secondo classificato Non ho mai schiacciato e terzo sul podio Figli di Bagher.

READ  Sassari: Reis, da mercoledì al via la progettazione personalizzata

Infine, ma non certo ultimo per importanza, il Torneo Universitario di Calcio 2019. Appuntamento rinnovato nel nome, nel trofeo e nella comunicazione grazie all’intervento di Matteo Deidda e Matteo Contu, che hanno costruito una squadra eccellente insieme a Debora Piras e Alessio Satta, quest’anno in prima linea a bordo campo (e non solo) per la realizzazione di interviste, highlights e filmati dei protagonisti: partendo da questa base non si può che crescere esponenzialmente. Nuovissime anche le finaliste Fp Gira La Ruota e AC Irrosi, che dopo essersi battute sul rettangolo di gioco sono dovute salire sulla giostra dei rigori per vedere assegnato l’ambito Trofeo che va ad AC Irrosi. La classifica finale vede risepttivamente A. C. Irrosi, FP Gira La Ruota e Havana F. 

Commenti