STINTINO: TURISTA ROMANA BLOCCATA DAI CARABINIERI DOPO UN FURTO IN GIOIELLERIA.

VOLEVA APPROFITTARE DEL FRASTUONO E DELLA CONFUSIONE PER L’IMPORTANTE -E MOLTO SENTITA- FESTA DELLA SANTA PATRONA DI STINTINO (SS), LA TURISTA ROMANA 49ENNE DEFERITA DAI CARABINIERI DELLA LOCALE STAZIONE, RESASI RESPONSABILE DEL FURTO DI UN MONILE D’ORO ESPOSTO IN UNA GIOIELLERIA DEL PAESE.

PROPRIO MENTRE ERA IN CORSO LA NOTA PROCESSIONE DELLA STATUA DELLA BEATA VERGINE DELLA DIFESA, DALLA CHIESA PARROCCHIALE DELL’IMMACOLATA CONCEZIONE FINO AL PORTO –QUEST’ANNO CONSENTITA CON UN AFFLUSSO LIMITATO DAL RESTRIZIONE ANTI COVID- LA DONNA E’ ENTRATA NEL NEGOZIO DI PREZIOSI DEL CENTRO E, AMMALIATA DAL FASCINO DELL’ANELLO D’ARGENTO E ORO CON BRILLANTE ESPOSTO IN VETRINA, HA PERPETRATO IL FURTO: TUTTAVIA, LA SCENA E’ STATA NOTATA DALL’OCCHIO VIGILE DEL PROPRIETARIO, IL QUALE TEMPESTIVAMENTE HA CHIAMATO I CARABINIERI DENUNCIANDO L’EVENTO.

L’INTERVENTO DEI CARABINIERI DELLA STAZIONE DI STINTINO, PRESSOCHE’ IMMEDIATO, HA PERMSSO DI INDIVIDUARE E BLOCCARE LA DONNA MENTRE TENTAVA DI DILEGUARSI TRA LE VIE DEL PAESE, CON LA REFURTIVA ANCORA IN PUGNO. IL MONILE E’ STATO RESTITUITO ALL’AVENTE DIRITTO.

INFELICE EPILOGO PER LA DONNA GIUNTA A STINTINO PER RAGIONI TURISTICHE E CHE ORA DOVRA’ RISPONDERE ALLA PROCURA DELLA REPUBBLICA DI SASSARI PER IL REATO DI FURTO AGGRAVATO.

I CARABINIERI DEL COMANDO STAZIONE DI STINTINO

Commenti
Pubblicità