Lingua sarda, il COLCS ringrazia la Regione: finanziati altri sportelli linguistici

Erano rimasti esclusi per carenza di fondi dai contributi finanziari 2021. La cifra integrata tuttavia non copre tutte le istanze, per il futuro si auspica l’intera copertura territoriale dei progetti

CAGLIARI. Il COLCS, Coordinamentu Operadores Limba e Cultura Sarda, ringrazia la Giunta regionale e le forze politiche che hanno dato il loro contributo al fine di integrare le risorse economiche relative al finanziamento degli sportelli linguistici comunali e sovracomunali.

Sportelli che erano rimasti esclusi a causa di carenza di fondi dai contributi finanziari del 2021, dopo che ne avevano fatto espressa richiesta alla RAS in relazione al finanziamento sui fondi della Legge 482/99 e della Legge regionale 22/2018.

Un importante risultato per il COLCS, che nelle ultime settimane aveva intrapreso numerose iniziative per sollecitare la tutela di questo importante segmento della politica linguistica in Sardegna. Il coordinamento riconosce pertanto l’impegno e apprezza la volontà politica dell’attuale maggioranza, così come riconosce il supporto di alcune frange dell’opposizione in Consiglio regionale.

La cifra integrata però non copre tutte le richieste presentate dalle amministrazioni singole o riunite in unioni o aggregazioni. L’auspicio è che la volontà politica e la disponibilità economica si concretizzino con più fattibilità nella prossima legge finanziaria, e che in futuro si prenda in considerazione l’intera copertura territoriale dei progetti.

Commenti
Pubblicità