FONDAZIONE META STRAVOLTA NEL NOME E FINALITA’, RITORNERA’ AD ESSERE L’ORGANISMO STRAORDINARIO CHE ERA CON CONOCI SINDACO

Con delibera n. 200/2019 dello scorso 03 giugno la Giunta Comunale di Alghero ha finalmente approvato il bilancio consuntivo della Fondazione ex META per l’esercizio 2017 (sic!).Non a caso si è utilizzato l’avverbio “finalmente” perché l’organo esecutivo guidato da Mario Bruno ha disatteso il termine – fissato al 30 aprile 2018 (più di un anno fa) – previsto proprio dal comma secondo dell’art. 14 dello Statuto della Fondazione stessa in analogia al termine previsto per gli Enti Locali dal combinato disposto degli artt. 151 comma settimo e 227 comma secondo del Testo Unico Enti Locali.

Se si fosse trattato proprio di un Ente Locale, tale intempestiva approvazione avrebbe certamente costituito indice di irregolarità nella gestione finanziaria e contabile, con effetti rilevanti in ordine alla preclusione della possibilità di ottenere compensi statali e regionali nonché di effettuazione di nuove assunzioni di personale. Ancor più specificamente si sarebbe trattato di ente in deficit strutturale.

Appare del tutto evidente, pertanto, come la prestigiosa Fondazione META, oggi stravolta sia nel nome che nelle finalità, versi in una sgradevole condizione di pessima gestione, ridotta al mero ruolo di bancomat dell’uscente amministrazione.
Una Fondazione che, negli anni dell’amministrazione Tedde, ha rappresentato un vero e proprio alleato per il turismo, la cultura e gli spettacoli ma che oggi stenta, evidentemente, anche a gestire la sua interna ordinaria amministrazione.

Si dovrà ripartire anche dagli uffici del Lo Quarter, attraverso un rinnovamento dell’organizzazione della Fondazione affinché possa riprendere a dar lustro alla nostra città lavorando accanto all’Amministrazione cittadina per promuovere il nostro territorio e la nostra cultura.
Confido, pertanto, che, accanto ad una “Bentornata Alghero”, ben presto si possa gioire per un’altrettanto “Bentornata META!”.

Commenti
Pubblicità