PARCO DI PORTO CONTE – AREA MARINA INCONTRO A PORTA TERRA SU INVESTIMENTI E PROGETTUALITÀ

Sviluppo e ambiente, il Parco di Porto Conte investe. Riparte la Grotta Verde

Sul tavolo a Porta Terra la programmazione degli interventi con finanziamenti della Regione e della Rete Metropolitana. 

Alghero, 24 ottobre 2020 – Progettualità, investimenti, programmi. L’Amministrazione traccia con il Parco di Porto Conte – Area – Marina Protetta Capo Caccia Isola Piana un percorso che inquadra gli obbiettivi strategici per il rilancio dello sviluppo legato all’ambiente e alle peculiarità naturalistiche del territorio. Ieri l’incontro a Porta Terra dal Sindaco Mario Conoci, con gli Assessori all’Ambiente e all’Urbanistica Andrea Montis e Emiliano Piras con il cda del Parco, il Presidente Raimondo Tilloca, i componenti Pasqualina Bardino e Adriano Grossi, e con il direttore Mariano Mariani. “Sono diverse le progettualità che si punta a portare a termine e molte altre che ci si appresta a sviluppare. Il Parco e l’Amministrazione lavorano insieme per mettere in atto una concreta serie di progettualità grazie ad importanti investimenti. Progetti innovativi e in grado di far intraprendere quel percorso di crescita del territorio che tutti vogliamo per lo sviluppo economico legato all’ambiente”, spiega Mario Conoci.

Sul tavolo le progettualità che riguardano la mobilità elettrica da Casa Gioiosa a Capo Caccia, il programma di innovazione dei collegamenti nell’area del Parco finanziato dalla programmazione Territoriale della Rete Metropolitana che prevede la creazione dell’area sosta a Casa Gioiosa e il servizio di collegamento alle Grotte di Nettuno, nel promontorio di Capo Caccia con la rivisitazione della viabilità nei 3,5 km che separano la sede del Tramariglio al piazzale della Escala del Cabirol. La Grotta Verde che riparte: nei primi mesi del 2021 riprenderanno i lavori interrotti dal 2014. La procedura è passata nell’ottobre 2018 nelle mani dell’Area Marina con un finanziamento regionale di 900 mila euro; si conta di ultimare i lavori e aprire la grotta alla fruizione nel 2022. “Si riprende  un filo importante dello sviluppo turistico legato all’ambiente,  con la la Grotta Verde si potrà ripensare a programmare una adeguata fruizione per gli appassionati di speleologia e dell’escursionismo. Sicuramente verrà arricchita l’offerta culturale – aggiunge Mario Conoci – con  indubbi benefici dal punto di vista economico e promozionale”.

Punta Giglio, con le opere di messa in sicurezza della falesia finanziate con 1,5 milioni dalla Regione per il potenziamento degli itinerari terrestri e marini, questi ultimi ora preclusi da un’ordinanza di divieto di navigazione a causa della pericolosità della zona. E inoltre, il progetto di ossigenazione delle acque dello stagno del Calich e della realizzazione di aree di sosta e percorsi naturalistici, con il finanziamento di 400 mila euro ancora della Programmazione Territoriale della Rete Metropolitana. E poi il progetto su Mugoni, con 900 mila euro di provenienza regionale per il potenziamento del campo boe di Punta del Dentul che passa da 20 a 80 elementi all’interno dell’Area Marina e la riqualificazione dell’ampia zona delle spiagge, che prevede il miglioramento dei servizi, degli accessi, il maquillage generale della zona tra le più frequentate in estate. E ancora, il progetto pilota di produzione di energia green da fonti rinnovabili con lo sfruttamento del moto ondoso : un mini parco marino al largo di Alghero, con un’iniziativa che prevede l’approvvigionamento energetico dal mare. Il faro di Capo Caccia, nel promontorio simbolo della città, si candida a diventare il testimonial dell’iniziativa innovativa che prevede la sua illuminazione attraverso l’utilizzo dell’energia prodotta dal mare. 
Giovanni Chessa
Portavoce del Sindaco
Comune di Alghero
Commenti
Pubblicità